BENVENUTO A CASUZZE

CERCA
Vai ai contenuti

Menu principale:

FERRAGOSTO DEL 1949

STORIA RECENTE > ANNI '40

15 agosto del 1949, il popolo di Casuzze volle festeggiare il "Prefetto", cioè di Don Peppino Iurato che proveniva da Marina (dopo una lunga scarpinata spiaggia, spiaggia in quanto Marina e Casuzze non erano ancora collegate). Un'improvvisata banda musicale attrezzata con vari strumenti: "u lasagnaturi" a mò di piffero, "a briula" come contrabasso, una pentola con "cuppinu" per il tamburo, "i piangi" cioè i coperchi delle pentole per i piatti, lo attendeva per festeggiarlo.

All'arrivo del "Prefetto" la folla lo acclamò e lo incitò a fare un discorso. Non potendo non accontentare il pubblico, il "Prefetto si affacciò dal balcone della Sig.ra Santuzza (alias Occhipinti) imbracciando un palo di scopa con attaccato un sacco di iuta "u saccu ri lona" come simbolo di autorità. Il "Prefetto" con fare austero e con gesti controllati salutò la folla acclamante e cominciò uno stringatissimo ma efficace discorso, che toccò l'animo dei presenti: " Signori di Casuzze parlate, dite quali sono i vostri problemi ed io cercherò di risolverli". Ognuno chiese un favore e a tutti Don Giuseppe Iurato rispose con un laconico "si".   

Ultimo aggiornamento: 17/10/2017
giampigiacomo@libero.it
http://picasion.com/i/1U5qo/
Torna ai contenuti | Torna al menu