BENVENUTO A CASUZZE

CERCA
Vai ai contenuti

Menu principale:

RIPASCIMENTO

IL MARE > > EROSIONE

GLI ANTEFATTI
Nel gennaio del 2019 sono cominciati i lavori per la ricostruzione della spiaggia di Casuzze e Caucana. Lavori resi necessari a causa della forte erosione del litorale.
L’importo contrattuale è stato di 660.323 € finanziati dalla Regione Sicilia.
Questo tipo di provvedimento già da tempo (2015/2016) era stato presentato e richiesto all’Amministrazione comunale di quell’epoca, da un gruppo di casuzzari che avevano formato il “Comitato di Casuzze”.
Sembrava che tutto procedesse per il giusto verso, poi invece tutto venne messo a tacere a Palermo probabilmente per errori tecnici relativi alla quantificazione e localizzazione esatta della fiorente prateria di Posidonia Oceanica presente esattamente dove doveva essere fatto il pennello a mare.
Finalmente grazie all’interessamento della nuova Giunta comunale, il progetto è stato approvato a Palermo e così sono iniziati i lavori.   

PROCEDURA DEI LAVORI: PENNELLO A MARE.
* I lavori sono iniziati con il posizionamento di massi, partendo dalla fine della spiaggia grande (vedi prima foto in alto a sx), perpendicolarmente alla spiaggia così da formare un pennello a mare lungo circa 20 metri (inizialmente era stato progettato per una lunghezza di circa 60 metri, poi è stato ridimensionato). Il pennello avrebbe avuto la funzione di mantenere e preservare il ripascimento.   
CRITICA
Secondo me, il lavoro doveva essere fatto con grandi blocchi e non con massi di dimensione varie e comunque non idonei a reggere l’urto di eventi meteomarini particolarmente intensi e molto frequenti in inverno.

PROCEDURA DEI LAVORI: RIPASCIMENTO
Successivamente è stata la volta del ripascimento con l’apporto di diversi camion di sabbia, che hanno innalzato notevolmente il livello della spiaggia grande. Questo ripascimento artificiale si proponeva due obbiettivi:

  • Mantenere o creare una spiaggia fruibile dal punto di vista turistico.

  • Contrastare l'erosione costiera del mare e prevenire ulteriori erosioni.

Sicuramente è stato depositato più materiale di quanto ne poteva servire, ma questo è stato fatto volutamente per ripristinare la spiaggia alle sue dimensioni naturali, tenendo conto di eventuali perdite causate dalle mareggiate.

CRITICHE.   

  • Prima di posizionare la sabbia, quella preesistente non è stata pulita dai residui balneari (si vede in diverse foto)

  • A detta di molti, la granulometria della sabbia apportata, proveniente da una cava vicino Santa Croce, non avrebbe la stessa finezza del sedimento naturale della spiaggia.

  • Il lavoro di ripascimento è stato effettuato solo nella spiaggia grande, escludendo quella piccola, che poi è quella che è maggiormente sottoposta al rischio erosione e che in estate è frequentata da un centinaio di persone. Vedi transenna rossa nella penultima e terzultima foto.

  • Il lavoro di ripascimento doveva essere preceduto dalla risoluzione del problema delle "acque meteoriche", che secondo me è la causa principale dell’erosione delle nostre spiagge, forse più delle forti mareggiate invernali . Purtroppo la Regione Siciliana ed il comune di Santa Croce hanno sottovalutato questo atavico problema.


COME VOLEVASI DIMOSTRARE

Il 6 ottobre 2019 ed 14 novembre del 2019 due mareggiate (la seconda più violenta) hanno quasi distrutto il lavoro fatto, come si può notare dalle seguenti foto.

Anche la spiaggia piccola ha risentito della forte mareggiata. E' quasi scomparsa!!!!!

MADRE NATURA
Fortunatamente “madre natura”, , senza interventi dell’uomo, è riuscita a riformare la spiaggia piccola ed in parte anche quella grande come si può vedere da quast’altra fotografia scattata il 26 febbraio 2020 Questo fenomeno si è ripetuto più volte negli anni passati, probabilmente perchè la sabbia strappata dagli arenili non viene trasportata lontano dalle correnti, ma depositata un pò al largo rispetto alle spiagge e poi quando si creano le condizioni favorevoli viene nuovamente depositata. Quanto appena detto è più visibile nella spiaggia piccola.

Ultimo aggiornamento: 13/03/2020
giampigiacomo@libero.it
http://picasion.com/i/1U5qo/
Torna ai contenuti | Torna al menu